Sindrome orale allergica: cause, sintomi e prevenzione

Rate this post


La sindrome allergica orale è un tipo di reazione di ipersensibilità dovuta al consumo di cibi crudi. Come si manifesta?

Sindrome orale allergica: cause, sintomi e prevenzione

Ultimo aggiornamento: 28 ottobre 2021

Le reazioni allergiche sono abbastanza comuni; infatti, possono colpire chiunque. Di solito si verificano quando il corpo riconosce una sostanza come nociva o estranea e innesca una risposta immunitaria. Hai mai sentito parlare di sindrome allergica orale?

Questa forma di allergia tende a manifestarsi dopo aver mangiato frutta e verdura. Colpisce principalmente bambini e adolescenti, ma anche adulti. I suoi sintomi sono fastidiosi, quindi è necessario evitare il consumo di cibi trigger. Sei interessato a saperne di più su questa condizione? Scopri le sue principali cause e come prevenirlo.

Cos’è la sindrome allergica orale?

La sindrome allergica orale (ODS) è un tipo di allergia alimentare che si verifica subito dopo aver mangiato frutta, verdura e noci. È anche conosciuta come “sindrome cibo-polline” a causa di possibili reazioni incrociate. In particolare, la reazione è provocata da alcune proteine ​​presenti negli alimenti.

Va notato che la possibilità di reazione incrociata è molto alta. Una recensione pubblicata su Giornale americano di rinologia e allergia afferma che tra il 5 e l’8% delle persone con allergia ai pollini ha anche SDGs.

Inoltre, si ritiene che queste persone hanno maggiori probabilità di avere reazioni più gravi, come essere shock anafilattico.

I sintomi della sindrome da allergia orale di solito compaiono pochi minuti dopo aver ingerito la frutta o la verdura scatenante.

Segni e sintomi della sindrome allergica orale

I sintomi delle persone con sindrome allergica orale di solito compaiono entro pochi minuti dal consumo di un alimento scatenante. Le manifestazioni cliniche sono generalmente limitate alle labbra, alla bocca, alla lingua e alla gola.

Uno dei sintomi principali è prurito o bruciore in nessuna delle strutture citate. Allo stesso modo, possono verificarsi altri disagi, come i seguenti:

  • Rossore delle labbra.
  • Gonfiore del collo e delle labbra.
  • Bruciore in bocca e in bocca.
  • Congiuntivite e rinite allergica.
  • Alveari o alveari

In alcuni casi, il gonfiore della gola può essere così grave da rendere difficile la respirazione. In tal caso, consultare immediatamente un medico poiché potrebbe essere un segno di anafilassi.



[/ atomik-read-too]

Cause possibili e scatenanti

Allergeni responsabili dello sviluppo della sindrome allergica orale si trovano negli alimenti vegetali crudi come frutta e verdura. In effetti, l’elenco degli alimenti che possono causare questa condizione è molto ampio.

Le varietà di cibo trigger variano anche a seconda dell’allergia ai pollini. Spesso spiccano il polline di betulla, erba e ambrosia. Tuttavia, per essere più precisi, gli alimenti associati a questa allergia sono i seguenti:

  • Le mele
  • Fragole.
  • Melone.
  • MANDORLA
  • Carota
  • Rosso.
  • Pesca.
  • Arachidi.
  • Patata.
  • Noccioline.
  • Fagioli di soia.
  • Melone.

Come differenziarlo da un’altra allergia?

La sindrome allergica orale può essere molto simile all’allergia ai pollini e all’allergia alimentare. Tuttavia, ha alcune caratteristiche che gli permettono di essere differenziato da queste patologie.

Primo, I sintomi dell’ODS possono manifestarsi in qualsiasi momento dell’anno, fintanto che viene consumato un alimento scatenante. A sua volta, l’allergia ai pollini si verifica in determinati periodi dell’anno, soprattutto durante la primavera e l’estate.

Tuttavia, le manifestazioni cliniche della sindrome orale allergica sono generalmente lievi e localizzate. Invece, quelli di altre forme di allergia sono più gravi e sistemici, il che aumenta il rischio di complicanze.

Finalmente, cucinare la frutta e la verdura del grilletto può distorcere gli allergeni e può prevenire i sintomi. Nelle allergie alimentari tendono a manifestarsi indipendentemente dal grado di cottura.

Trattamenti per la sindrome allergica orale

Sfortunatamente, non esiste un trattamento specifico per evitare la sindrome allergica orale. Il modo più efficace è non mangiare quei cibi scatenanti. Una buona idea è chiedere al medico una lista di cibi da evitare. In questo modo sarà più facile stabilire una certa dieta.

Le persone possono ridurre l’intensità dei sintomi assumendo antistaminici. Questi farmaci impediranno a una sostanza chiamata istamina di agire sui suoi recettori. In effetti, sono usati per alleviare i sintomi di rinite, prurito, infiammazione, tra gli altri.

D’altra parte, alcuni studi mostrano che l’immunoterapia per l’allergia ai pollini può essere utile nel trattamento dell’ODS. Ma, nonostante la riduzione dei sintomi, non serve alla cura completa.

Il modo più efficace per evitare gli SDG è evitare di mangiare cibi che causano la reazione.

[/ atomik-read-too]

Come prevenirlo?

Il modo migliore per prevenire la sindrome allergica orale è evitare di innescare frutta e verdura. Nonostante ciò, ci sono momenti in cui sembra impossibile eliminare il tuo contributo. Anche così, l’ideale è mettere in pratica quanto segue:

  • Cuocere bene il cibo per distorcere le proteine ​​dannose.
  • Sbucciare frutta e verdura, poiché gli allergeni sono solitamente concentrati nella buccia.
  • Evitare cibi trigger durante la stagione dell’impollinazione.
  • Mangia frutta e verdura in scatola.

Un’allergia comune con poche complicazioni

La sindrome orale allergica è un tipo comune di ipersensibilità. Fortunatamente, i suoi sintomi sono lievi o moderati nella maggior parte dei casi. Le possibilità di complicazioni sono piuttosto piccole.

In ogni caso, si consiglia di limitare l’assunzione di cibi che provocano la reazione per evitare disagi. Se si tratta di un problema ricorrente, è meglio consultare un medico.





Benessere coppia

Perdere pesso

Sindrome orale allergica: cause, sintomi e prevenzione

Rate this post


La sindrome allergica orale è un tipo di reazione di ipersensibilità dovuta al consumo di cibi crudi. Come si manifesta?

Sindrome orale allergica: cause, sintomi e prevenzione

Ultimo aggiornamento: 28 ottobre 2021

Le reazioni allergiche sono abbastanza comuni; infatti, possono colpire chiunque. Di solito si verificano quando il corpo riconosce una sostanza come nociva o estranea e innesca una risposta immunitaria. Hai mai sentito parlare di sindrome allergica orale?

Questa forma di allergia tende a manifestarsi dopo aver mangiato frutta e verdura. Colpisce principalmente bambini e adolescenti, ma anche adulti. I suoi sintomi sono fastidiosi, quindi è necessario evitare il consumo di cibi trigger. Sei interessato a saperne di più su questa condizione? Scopri le sue principali cause e come prevenirlo.

Cos’è la sindrome allergica orale?

La sindrome allergica orale (ODS) è un tipo di allergia alimentare che si verifica subito dopo aver mangiato frutta, verdura e noci. È anche conosciuta come “sindrome cibo-polline” a causa di possibili reazioni incrociate. In particolare, la reazione è provocata da alcune proteine ​​presenti negli alimenti.

Va notato che la possibilità di reazione incrociata è molto alta. Una recensione pubblicata su Giornale americano di rinologia e allergia afferma che tra il 5 e l’8% delle persone con allergia ai pollini ha anche SDGs.

Inoltre, si ritiene che queste persone hanno maggiori probabilità di avere reazioni più gravi, come essere shock anafilattico.

I sintomi della sindrome da allergia orale di solito compaiono pochi minuti dopo aver ingerito la frutta o la verdura scatenante.

Segni e sintomi della sindrome allergica orale

I sintomi delle persone con sindrome allergica orale di solito compaiono entro pochi minuti dal consumo di un alimento scatenante. Le manifestazioni cliniche sono generalmente limitate alle labbra, alla bocca, alla lingua e alla gola.

Uno dei sintomi principali è prurito o bruciore in nessuna delle strutture citate. Allo stesso modo, possono verificarsi altri disagi, come i seguenti:

  • Rossore delle labbra.
  • Gonfiore del collo e delle labbra.
  • Bruciore in bocca e in bocca.
  • Congiuntivite e rinite allergica.
  • Alveari o alveari

In alcuni casi, il gonfiore della gola può essere così grave da rendere difficile la respirazione. In tal caso, consultare immediatamente un medico poiché potrebbe essere un segno di anafilassi.



[/ atomik-read-too]

Cause possibili e scatenanti

Allergeni responsabili dello sviluppo della sindrome allergica orale si trovano negli alimenti vegetali crudi come frutta e verdura. In effetti, l’elenco degli alimenti che possono causare questa condizione è molto ampio.

Le varietà di cibo trigger variano anche a seconda dell’allergia ai pollini. Spiccano spesso il polline di betulla, erba e ambrosia. Tuttavia, per essere più precisi, gli alimenti associati a questa allergia sono i seguenti:

  • Le mele
  • Fragole.
  • Melone.
  • MANDORLA
  • Carota
  • Rosso.
  • Pesca.
  • Arachidi.
  • Patata.
  • Noccioline.
  • Fagioli di soia.
  • Melone.

Come differenziarlo da un’altra allergia?

La sindrome allergica orale può essere molto simile all’allergia ai pollini e all’allergia alimentare. Tuttavia, ha alcune caratteristiche che gli permettono di essere differenziato da queste patologie.

Primo, I sintomi dell’ODS possono manifestarsi in qualsiasi momento dell’anno, fintanto che viene consumato un alimento scatenante. A sua volta, l’allergia ai pollini si verifica in determinati periodi dell’anno, soprattutto durante la primavera e l’estate.

Tuttavia, le manifestazioni cliniche della sindrome orale allergica sono generalmente lievi e localizzate. Invece, quelli di altre forme di allergia sono più gravi e sistemici, il che aumenta il rischio di complicanze.

Finalmente, cucinare la frutta e la verdura del grilletto può distorcere gli allergeni e può prevenire i sintomi. Nelle allergie alimentari tendono a manifestarsi indipendentemente dal grado di cottura.

Trattamenti per la sindrome allergica orale

Sfortunatamente, non esiste un trattamento specifico per evitare la sindrome allergica orale. Il modo più efficace è non mangiare quei cibi scatenanti. Una buona idea è chiedere al medico una lista di cibi da evitare. In questo modo sarà più facile stabilire una certa dieta.

Le persone possono ridurre l’intensità dei sintomi assumendo antistaminici. Questi farmaci impediranno a una sostanza chiamata istamina di agire sui suoi recettori. In effetti, sono usati per alleviare i sintomi di rinite, prurito, infiammazione, tra gli altri.

D’altra parte, alcuni studi mostrano che l’immunoterapia per l’allergia ai pollini può essere utile nel trattamento dell’ODS. Ma, nonostante la riduzione dei sintomi, non serve alla cura completa.

Il modo più efficace per evitare gli SDG è evitare di mangiare cibi che causano la reazione.

[/ atomik-read-too]

Come prevenirlo?

Il modo migliore per prevenire la sindrome allergica orale è evitare di innescare frutta e verdura. Nonostante ciò, ci sono momenti in cui sembra impossibile eliminare il tuo contributo. Anche così, l’ideale è mettere in pratica quanto segue:

  • Cuocere bene il cibo per distorcere le proteine ​​dannose.
  • Sbucciare frutta e verdura, poiché gli allergeni sono solitamente concentrati nella buccia.
  • Evitare cibi trigger durante la stagione dell’impollinazione.
  • Mangia frutta e verdura in scatola.

Un’allergia comune con poche complicazioni

La sindrome orale allergica è un tipo comune di ipersensibilità. Fortunatamente, i suoi sintomi sono lievi o moderati nella maggior parte dei casi. Le possibilità di complicazioni sono piuttosto piccole.

In ogni caso, si consiglia di limitare l’assunzione di cibi che provocano la reazione per evitare disagi. Se si tratta di un problema ricorrente, è meglio consultare un medico.





Benessere coppia

Perdere pesso

Pagamento del reddito di emergenza Vuoi ricevere notifiche sugli ultimi aggiornamenti? Pagamento del reddito di emergenza No Yes