L’oscuro segreto dell’industria alimentare: i semilavorati

Rate this post


La ricerca nel processo di preparazione del cibo è essenziale. Gli alimenti semipreparati, ad esempio, comportano rischi per la salute molto elevati.

L'oscuro segreto dell'industria alimentare: i semilavorati

Ultimo aggiornamento: 5 novembre 2021

Il concetto di “pasti pronti” è di moda. I semilavorati e i surgelati offrono agli utenti un’alternativa “più veloce” e “più facile” quando si tratta di preparare un menu gustoso e conveniente.

Però, questo tipo di cibo ha più rischi che benefici per la salute. La pubblicità che li circonda è fuorviante. Il prezzo basso li rende spesso l’unica opzione per molte famiglie a basso reddito.

Sebbene l’industria alimentare persegua il profitto, il cibo deve essere sottoposto a severi controlli di qualità. Ecco perché esistono esperti in Sicurezza Alimentare, come spiega Gemma del Caño, esperta in Qualità e Sicurezza Alimentare.

Vediamo di seguito cosa rivelano alcune ricerche. Scopriremo l’importanza di prestare attenzione a certi dettagli, senza che questo ci stressi e ci porti a diffidenze infondate.

L’oscuro segreto dell’industria alimentare: i semilavorati

Una delle chiavi del successo dei pasti pronti è che avranno sempre lo stesso sapore fino alla data di scadenza.

Tuttavia, ciò che il consumatore non sa è che per ottenere il delizioso sapore, questi alimenti hanno subito una serie di processi. Sono state aggiunte una moltitudine di sostanze (alcune delle quali conservanti) per mantenerle fresche e deliziose. nonostante il passare del tempo.

Leggi anche: Perché le diete non sempre funzionano?

La maggior parte degli alimenti prefabbricati o ultralavorati sono ricchi di sostanze sconsigliate per il consumo quotidiano. Alcuni di loro sono:

  • Sodio
  • Zuccheri
  • Grassi saturi
  • Sostanze chimiche

Pertanto, consumo frequente ed eccessivo di questi alimenti può avere un impatto negativo sulla salute. Questo, a lungo andare, potrebbe portare a vari problemi, quali:

  • Diabete
  • Obesità
  • Ipertensione
  • Alti livelli di colesterolo

Gli alimenti semipreparati che potrebbero rappresentare un rischio per la salute includono:

  • Rinfreschi
  • Margarina
  • conserva
  • Salsicce
  • Cibi cotti surgelati
  • Barrette di cereali
  • hamburger
  • Zuppa istantanea
  • Snack in borsa (con aggiunta di zucchero, sale e grassi trans e saturi)
  • Alcuni tipi di biscotti e cereali con aggiunta di zucchero

Uno dei problemi più grandi creato da un consumo eccessivo di questi cibi ogni giorno è quello l’apporto calorico è aumentato. Inoltre, viene trascurata l’importanza di mangiare cibi freschi e nutrienti, come frutta e verdura. Si dovrebbe notare che nutrienti di questi cibi sono essenziali per il bene funzionamento del corpo e una corretta digestione dei grassi.

Acrilammide: uno dei pericoli dei semilavorati

Marketing ha fatto grandi sforzi per convincere i consumatori che ci sono vantaggi per gli alimenti semipreparati. A tal proposito, pubblicità e campagne pubblicitarie mostrano quanto sia facile preparare questi cibi e quanto siano buonissimi. Questo crea fiducia.

Tuttavia, questo studio condotto da European Snacks Association e pubblicato dal National Centre for Biotechnological Information (Stati Uniti) afferma che una delle sostanze utilizzate è una sostanza chimica potenzialmente neurotossica chiamata acrilammide.

L’acrilammide si forma quando gli alimenti ricchi di carboidrati vengono preparati ad alte temperature, in seguito alla reazione tra gli zuccheri e un amminoacido chiamato asparagina.

Gli alimenti semipreparati con questa sostanza includono: patatine, patatine fritte, pane, toast o cereali per la colazione.

Leggi anche: 7 cibi da evitare in caso di problemi di sonno

Conclusione

Alcune aziende che fanno parte dell’industria alimentare continuano campagne pubblicitarie per convincere i consumatori acquistare e consumare prodotti semilavorati. Tuttavia, loro non sempre inviano gli avvertimenti necessari affinché il contributo sia moderato e sicuro.

Per legge, alcuni alimenti devono avere un elenco di ingredienti e additivi sull’etichetta. Ciò consente al consumatore di sapere esattamente cosa compreranno e quindi mangeranno.

Sfortunatamente, acquirente di solito non legge la lista degli ingredienti, che è a favore dell’industria alimentare. vedere sempre fonti ufficiali, come le informazioni fornite da esperti di salute e sicurezza.

Come consumatori, possiamo sempre limitare il consumo di alimenti ultra-processati e dare la priorità cibi naturali.

Potresti essere interessato…





Benessere coppia

Perdere pesso

Pagamento del reddito di emergenza Vuoi ricevere notifiche sugli ultimi aggiornamenti? Pagamento del reddito di emergenza No Yes