È Malta il nuovo paradiso dei nomadi digitali

Rate this post


Che i nomadi digitali siano i turisti più ricercati del momento ormai è certo, basta dare un’occhiata ai programmi e alle proposte dei più diversi Paesi del mondo per vedere come, tra benefit e agevolazioni, questi stanno cercando di attirare l’attenzione di tutte le persone che hanno fatto del lavoro da remoto un vero e proprio stile di vita.

E possiamo dire che, con la proposta del visto per i nomadi digitali lanciata da tantissimi Paesi nei mesi scorsi, e le varie chiamate da ogni parte del mondo, le cose stanno funzionando anche piuttosto bene. Alla già folta lista delle destinazioni pronte ad accogliere i lavoratori da remoto, oggi si aggiunge anche Malta, l’isola nel cuore del Mediterraneo situata a meno di 100 km dalla costa siciliana.

Un territorio sfaccettato che, grazie alla sua storia variegata conserva le tracce culturali di tantissime popolazioni, dai fenici, ai greci, passando per i francesi e gli inglesi. Ed è proprio questo aspetto di Malta che ha sempre affascinato i viaggiatori di tutto il mondo che da sempre scelgono l’isola come destinazione ideale per le vacanze.

E ora, chi ha deciso di viaggiare senza smettere di lavorare e viceversa, troverà su questa isola anche una nuova casa. Malta ha decido, infatti, di creare un permesso di soggiorno della durata massima di un anno, grazie al programma Nomad Residence Permit.

Se già da tempo l’isola aveva aperto le sue porte ai lavoratori provenienti dall’Unione Europea, con questo nuovo visto anche i cittadini di paesi terzi troveranno una nuova e imperdibile opportunità.

La promessa è quella di poter lavorare adottando il tipico stile di vita mediterraneo che si respira sull’isola 365 giorni all’anno. Per ottenere il visto è necessario possedere la vaccinazione da Covid-19 e dimostrare di lavorare da remoto o di collaborare con aziende che risiedono fuori Malta.

Inoltre, l’isola, dà la possibilità di richiedere il rinnovo del permesso alla scadenza dei 12 mesi. Tra spiagge mediterranee, architetture sorprendenti e deliziosi quartieri, non sarà poi così difficile ambientarsi sull’isola e trasformarla nella propria casa per un anno, e anche di più.

Tutti i lavoratori da remoto e i nomadi digitali che desiderano vivere sull’isola, possono aderire al programma Nomad Residence Permit già da subito. Sul sito ufficiale sono presenti tutte le informazioni per la candidatura.

var hash = window.location.hash;

if ( ( typeof hash !== "undefined" ) && ( hash === "#c_fb" ) ) {

window.IOL = window.IOL || ; window.IOL.CbConfig.sharingSelector = "";

window.fbAsyncInit = function() FB.init( appId : '752081211536500', autoLogAppEvents : false, xfbml : true, version : 'v3.2' ); ; (function(d, s, id) var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); (document, 'script', 'facebook-jssdk'));

function track_share() { jQuery( "div[class="share"] a[class="facebook"]" ).each( function( i, el ) { $el = jQuery(el); $el.removeAttr("onclick"); $el.off("click"); $el.on({ click: function (event) var url="https://siviaggia.it/notizie/programma-nomadi-digitali-malta/344548/"; if ( ( typeof url !== "undefined" ) && ( url !== "" ) ) FB.ui( method: 'share', href: url, , function(response) if ( ( typeof response !== "undefined" ) && ( typeof response.error_code === "undefined" ) ) fbq('trackSingleCustom', '689653194723723', 'ShareFromCampaign'); window.IOL.IolCb.callProxyPage();

);

event.preventDefault();

return false;

}); }); }

function defer_function(method) if( ( typeof jQuery !== "undefined" ) && ( typeof FB !== "undefined" ) && ( typeof window.IOL.IolCb !== "undefined" ) ) method();

else setTimeout(function() defer_function(method); , 100);

defer_function(track_share);

}



offerte amazon

Pagamento del reddito di emergenza Vuoi ricevere notifiche sugli ultimi aggiornamenti? Pagamento del reddito di emergenza No Yes