Cos’è la terapia della Gestalt? – Dose di salute

Rate this post


La terapia della Gestalt è utile per i casi di ansia, depressione, dolore e autostima. In cosa consiste?

Cos'è la terapia della Gestalt?

Ultimo aggiornamento: 23 ottobre 2021

In psicologia ci sono diversi tipi di terapia. Tutti proporre di raggiungere il benessere biopsicosociale dei pazienti per alleviare le loro sofferenze e promuovere il cambiamento desiderato. Naturalmente, ciascuno dei flussi terapeutici ha i propri principi e strumenti. Hai mai sentito parlare della terapia della Gestalt?

Questa modalità è inquadrata in quella che viene chiamata “psicologia umanistica”. È interessato ai processi, a ciò che è e non tanto ai contenuti, perché spesso pieni di pregiudizi e di mandati che predeterminano la lettura di una situazione. Vediamo un po’ di più a riguardo.

Cos’è la terapia della Gestalt e quali sono le sue caratteristiche?

Il punto di partenza della terapia della Gestalt è che concepisce l’essere umano come un’unità tra corpo e mente. Tra i suoi obiettivi principali c’è il fatto che la persona possa sapere come lavora nel mondo e come può farlo meglio. Le sue caratteristiche includono quanto segue.

Concentrati sul qui e ora

In questo tipo di terapia si comprende che le persone sono il prodotto delle circostanze, ma non c’è interesse a tornare indietro nel tempo. Al contrario, si concentra sul momento presente per fornire risorse a chi ne ha bisogno. Ciò che conta è l’esperienza così come viene percepita nel momento.

Questa terapia si propone di focalizzare l’attenzione sul momento presente al fine di individuare le risorse che consentiranno di superare le difficoltà.

Aiuta a sensibilizzare

La consapevolezza è un altro principio fondamentale della terapia della Gestalt. Così, è molto importante registrare le sensazioni e le emozioni presenti per leggerli e identificare cosa sta succedendo a quella persona.

Contribuire all’accettazione

Un altro concetto chiave emerge dal punto precedente; accettazione. Dall’identificazione di ciò che gli sta accadendo, la persona deve imparare ad accettarlo. Solo così può essere padrone di sé stesso, vivere nell’autenticità.

Come, l’accettazione permette di fare il primo passo per poter agire e utilizzare le risorse disponibili. Tutto ciò che evita, nasconde o vuole tacere è ciò che poi diventa disagio.

Impara ad assumerti le tue responsabilità

Accettare significa anche assumersi responsabilità. Per questo la persona è in grado di diventare protagonista per promuovere il cambiamento desiderato. Questo modello terapeutico aumenta la consapevolezza di ciò che sta accadendo e aiuta a capire come si è verificata una situazione del genere per motivare il cambiamento.

Tra l’altro, va notato che la terapia della Gestalt considera l’ambiente e l’individuo in una relazione reciproca. In questo modo, ricorda che le persone sono sempre possibilità aperte, che sono liberi di prendere decisioni e che non c’è determinazione. Alcuni dei suoi principali riferimenti sono Paul Goodman, Fritz Perls e Laura Perls.



[/ atomik-read – de asemenea]

Le tecniche più comuni

Una delle tecniche più utilizzate nella terapia della Gestalt è la sedia vuota. È un modo di confrontare il paziente con il conflitto, ciò di cui soffre o un problema irrisolto. Per fare ciò, la persona deve instaurare un dialogo, ad esempio con una persona assente. In questo esprimerai ciò che vuoi.

Può essere utilizzato anche per portare avanti un dialogo con se stessi in cercando di “riconciliare” anche due aspetti (parti del sé) che non sono integrati coraggio per alcune cose e paura per altre.

In questo modo il paziente cambia il luogo e la situazione che espone, per rispondere a ciò che appare attraverso questa tecnica esperienziale. Serve anche come una forma di catarsi.

Altre tecniche regolarmente utilizzate includono quanto segue:

  • Drammatizzazione. Consiste nell’interpretare un determinato ruolo attraverso il gioco di ruolo.
  • Dialogo. Si riferisce a comunicare ciò che sta accadendo nel qui e ora. Sebbene si concentri sul paziente, include anche ciò che sta accadendo al terapeuta in quel momento.
  • Amplificazione Come suggerisce il nome, si tratta di estendere o massimizzare la sensazione o l’emozione ed essere parte dell’intera persona.
  • Fantasia o fantasticheria diretta. Il paziente chiude gli occhi e immagina situazioni diverse.

A chi è consigliata la terapia della Gestalt?

La terapia della Gestalt è molto utile per molte situazioni e condizioni. Infatti, lavorano non solo individualmente, ma anche in gruppi, famiglie o istituzioni. Alcuni casi in cui viene utilizzato sono i seguenti:

  • Affrontare l’ansia, soprattutto per il suo orientamento al presente.
  • Situazioni di lutto e separazione.
  • Difficoltà di relazione.
  • Pixie.
  • Casi di depressione.
Questo tipo di terapia è ideale per le persone con ansia, depressione, bassa autostima, tra gli altri.


[/ atomik-read-too]

La terapia della Gestalt, uno strumento importante per l’autoconsapevolezza

Considerando “l’integrazione” come principio fondamentale, la terapia della Gestalt è orientata all’unità delle persone. Con ciò si supera questa tradizionale e duratura rottura in termini di mente-corpo, emozione-razionalità, che privilegia solo alcuni aspetti.

A sua volta, comprende le persone nel loro insieme, che è molto più della somma delle sue parti. Così, cerca di connettersi con tutti, senza rifiutare nessuno. Tutto quanto sopra facilita la conoscenza di sé e guida al cambiamento reale.





Benessere coppia

Perdere pesso

Pagamento del reddito di emergenza Vuoi ricevere notifiche sugli ultimi aggiornamenti? Pagamento del reddito di emergenza No Yes